ferromodellista

io e i miei trenini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
E-mail Stampa
Indice
FS 245
il telaio
cofano e cabina
il carrello con le ruote
prova di montaggio
la coloritura
i corrimano
la costruzione del faro posteriore
finita
motorizzazione
Tutte le pagine

 

LA COSTRUZIONE DEL FARO POSTERIORE
Domenica mattina, pensavo finalmente di finire la mia 245. Dovevo ancora fissare i fari posteriori, i vetri, il tetto e dare una bella verniciata a tutto. Mi sono messo al tavolino dove lavoro, ho aperto il cassettino dove c’erano i fari e… dramma! Un faro era sparito. Ho cercato dappertutto, ma niente. Tra uno smoccolamento e l’altro ho realizzato che probabilmente prendendo qualche pezzo, il faro, è rimasto impigliato ed è caduto. Ho scopato tutto lo studio, tra lo stupore di mia moglie ho messo la spazzatura raccolta sul tavolo e con una lente (il faro misura circa mm.2 x 2) ho controllato tutto. Niente!!! A questo punto avevo due possibilità: riordinare le microfusioni aspettando qualche settimana o provare a farmi un faro a colpi di lima. Ho scelto la seconda soluzione, anche come sfida per vedere se sarei riuscito. Ho fatto uno schizzo rilevando le misure esatte con il calibro dal pezzo superstite. Ho preso un pezzo di scarto delle microfusioni, ne ho portato una parte al diametro di mm 2,9 che è il diametro della corona del faro, poi ho portato il corpo a mm.2 lasciando un bordo di mm.0,3. Ho staccato il pezzo, ho fatto un foro con il trapano sulla testa del cilindretto per creare l’interno del faro. Il foro è venuto abbastanza preciso anche se non ho potuto usare la colonna perché il pezzo era troppo piccolo. Ho recuperato un gambo da una microfusione di scarto e l’ho saldato al faro usando il saldatore a fiamma perché quello elettrico non riesce a scaldare a sufficienza una microfusione e la saldatura potrebbe risultare debole. Alla fine il lavoro mi sembra accettabile e quando saranno colorati non credo si capirà che uno l’ho fatto io. In conclusione ho sprecato una mattinata, ma la soddisfazione per il risultato mi ha ripagato abbondantemente.


il faro superstire e il pezzo di ottone da cui cercherò di ricavare l'altro faro


l'inizio del lavoro di limatura con piccole lime


il corpo limato


Ho creato la corona e ho fatto il foro di alloggiamento del braccio


di testa ho fatto una fresatura per creare l'interno del faro che sarà colorato di bianco


il corpo del faro é pronto per essere staccato


Con la circolarina hoi staccato il faro


Come appare prima di saldare il braccio


Con il saldatore a fiamma ho saldato il gambo al corpo del faro


Il faro finito confrontato con l' originale



 

Cerca

Chi è online

 35 visitatori online