ferromodellista

io e i miei trenini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
E-mail Stampa


Eccomi, sono io.
La passione per il modellismo ferroviario l'ho avuta sin da ragazzo. Come tanti, ho tentato di costruirmi un plastico con i pochi mezzi a disposizione, ma ho dovuto rinunciare.
Negli anni '70 i mezzi erano maggiori e ne ho iniziato uno in scala H0 di cui conservo ancora qualche locomotiva. Mi sono reso conto, però, che lo spazio era tiranno e quasi subito sono passato alla N. Ho messo su un discreto impianto che ha funzionato par diversi anni. Non c'era internet e quindi nessun contatto con altri ferromodellisti. Il paesaggio era di fantasia, ma in stile italiano.
Motivi familiari e impegni di lavoro mi hanno costretto a spostarlo in cantina e riporre i rotabili superstiti in scatola.
La passione si è sopita per circa vent' anni.
Poi, nell'autunno del 2007, ho pensato di fare una sorpresa alla mia nipotina Ludovica di tre anni che voleva sempre vedere il treno. Ho tirato fuori tanti binari per fare un ovale, una loco, qualche carro e li ho fatti circolare un poco per la sua gioia. E' successo quello che mai mi sarei aspettato. Con in mano la 44541 mi si è riacceso l'entusiasmo. Avevo deciso: dovevo rifarmi il plastico.
Questa volta però, mi volevo preparare bene. Sono stato ancora indeciso sulla scala, ma poi ho optato per la N. Se avessi voluto fare collezionismo avrei scelto H0 che ha una ricchezza di particolari maggiore e una gamma di rotabili FS a disposizioni inimmaginabile per la N. Ma io volevo fare il ferromodellista e vedere circolare i treni in uno spazio più realistico possibile, quindi, la soluzione ideale era la scala N.
Fatta questa scelta dovevo ambientarlo. Qui la decisione è stata facile. Io sono nato e cresciuto a Rivarolo Ligure dove c'è un nodo ferroviario incredibile. Normalmente un plastico concentra binari, ponti, scali stazioni e un sacco di altre cose che si vogliono inserire e che in realtà mai sono così vicine. A Rivarolo è il contrario. Nella realtà c'è un groviglio talmente fitto di tutto questo che il plastico non può contenerlo tutto.
E allora sono partito, ma...la sorpresa è arrivata ancora una volta inattesa: mi sono associato all' ASN (amici scala N) è ho conosciuto l'autocostruzione. Una passione che si è rivelata ancora più forte della prima e che ha cambiato totalmente il mio modo di essere ferromodellista.
Il desiderio di condividere con altri le mie esperienze senza invadere i vari forum con le mie foto mi ha poi spinto alla realizzazione di questo sito. Non ha grandi pretese, vorrei solo parlare dei miei trenini e delle mie autocostruzioni. Specialmente nei miei primi tentativi mi sarebbe stato di grande aiuto un sito che mi facesse capire cosa fare e come fare, e questo é quello che cercherò di proporre io. Chi vorrà seguire il mio lavoro sarà sempre benvenuto e ancora meglio se vorrà darmi il suo parere o i suoi consigli.
Giuseppe Risso

 

 

Cerca

Chi è online

 12 visitatori online