ferromodellista

io e i miei trenini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Corbellini 2^ classe scala N - Assemblaggio e coloritura

E-mail Stampa PDF
Indice
Corbellini 2^ classe scala N
Il telaio
La cassa
Assemblaggio e coloritura
Tutte le pagine

ASSEMBLAGGIO E COLORITURA

 


Prima di passare alla coloritura, come di consueto, ho provato a montare le varie parti per accertarmi che non avrò sorprese alla fine.Il tetto è solo appoggiato e quindi non combacia perfettamente, ma anche pressandolo, come ho già detto lascia un po' di luce.


Vista dalla testata. Mancano i respingenti, intanto perché li fisserò a coloritura effettuata, ma sopratutto perché mi devono arrivare.


Una vista in diagonale.


E dal lato opposto.


Ho dato una mano di primer spray.


Anche ai carrelli.


Ho preparato i finestrini che sono staccati dalla cassa e in alpacca in modo che non devo neppure colorarli. Mi sarebbe piaciuto farne qualcheduno aperto, ma uno solo sarà così. Infatti dopo aver fatto questo, ho visto che è un po' problematico rifilare bene la parte superiore e quindi ho rinunciato a proseguire. Al posto del vetro ho messo il solito foglietto di acetato trasparente.

All'interno sono previsti i sedili: a sinistra quelli di seconda classe comprendenti le pareti del wc, a destra quelli della prima classe.


La cassa l'ho colorata in grigio ardesia usando i colori Puravest. I corrimano e le maniglie delle porte con alluminio Hombrol. Ho quindi incollato i finestrini e l'arredo interno.


Una vista dall'alto.


I respingenti li ho incollati con colla bicomponente. Ho anche dipinto i triangolini bianchi che segnalano l'assenza di riscaldamento a vapore nella carrozza, come al vero nel tipo preso ad esempio.


Il tetto, l'ho colorato con alluminio Humbrol. Come già fatto notare da altri che lo hanno montato prima di me, non aderisce perfettamente alla cassa e questo è un male. Per il logo ho usato quello compreso nel Kit. Però era l'unica decal presente nella confezione, e questa è un'altra lacuna, e non da poco, perchè se un corrimano o un gancio me lo posso fare, una decal non la posso realizzare. Il meglio che ho saputo fare è stato ricavare i numeri 2 da vecchie decals che aveva preparato Nino Martire anni fa. Per la targa di destinazione ho usato quelle di Lineamodel avanzate dall' Aln990.

Qui sotto ho messo una serie di scatti sul plastichetto in costruzione del mio nipotino.


Per la numerazione di classificazione, non essendo disponibile quella esatta, ed essendo un lavoro improponibile fare un mosaico di numeri ben allineati e distanziati, ne ho usata una (sempre dal foglietto di Nino Martire) che ha i primi 4 numeri esatti e gli altri di un'altra carrozza. L'impatto visivo non cambia e quindi mi accontento.


Al traino della Gr 735.


Vista da dietro.


Con un bagagliaio agganciato dietro


Con una carrozza a terrazzini.


In composizione con una E402A e delle piano ribassato.


Con la E633.

In conclusione, a mio parere, è un discreto modello, facile da montare. Non mi sento di esaltarlo, come è stato fatto da altri, perché troppe sono le mancanze e le approssimazioni che ho riscontrato. Direi un modello da usare sul plastico, ma non certo da esposizione.



 

Cerca

Chi è online

 23 visitatori online